Blog di viaggi di Opodo icon
Blog di viaggi di Opodo
  •   2 minuti di lettura

Una stretta striscia di terra tra due oceani, coperta per il 25% da parchi e riserve naturali. Foreste pluviali, mangrovie, vulcani…i paesaggi sono incredibilmente vari. Pensate che il 5% della biodiversità del pianeta è concentrata in questo piccolo territorio. Una garanzia per un’incredibile safari tropicale!

costa rica

A chi è consigliata la destinazione?

Agli amanti della natura, della fauna selvatica e della flora, agli sportivi (trekking, surf, diving e sport acquatici in generale) e a chi viaggia in modo responsabile.

Perchè fare un viaggio in Costa Rica?

Con una trentina di parchi nazionali, la scelta può sembrare difficile. Dovrete fare una selezione in funzione della fauna osservabile (mammiferi, volatili, tartarughe…) e del paesaggio (vulcani, costa, montagne). Ecco le riserve imperdibili:

Arenal: tutt’ora attivo, il vulcano Arenal (1633 mt) è il luogo più celebre del Costa Rica. Non potendo raggiungere la cima, è possibile osservare dal basso le sue suggestive eruzioni notturne. Altri parchi con vulcani sono:  Rincón de la ViejaPoas Irazú.

Tortuguero: un labirinto di canali si inoltra nella giungla lungo la costa atlantica. Alligatori, aironi tigri, iguane, scimmie urlatrici, bradipi…il parco è conosciuto per l’attività di protezione delle tartarughe marine, che si possono vedere sulla spiaggia durante la stagione di nidificazione (agosto-ottobre per le tartarughe verdi, molto numerose; da febbraio a luglio per la tartaruga liuto).

Monteverde: a 1500 mt di altitudine, questa riserva biologica di lussureggiante foresta pluviale sorprende per il suo paesaggio magico. 400 tipi di uccelli vivono qui e, se il Quetzal è piuttosto raro, pettirossi, colibrì e tucani verdi sono invece facili da avvistare. Ideale per le famiglie grazie ai suoi vivai (con serpenti, rane e farfalle) e i parchi divertimenti tra gli alberi (ponti sospesi).

corcovado costa rica
foto di Lon&Queta su flickr

Corcovado: probabilmente il parco più selvaggio, con una fitta giungla che si sviluppa su un terreno nero vulcanico. Si possono vedere facilmente le lapas (pappagalli multicolori), i tapiri, i cinghiali e, presso le foci dei fiumi, squali toro e a pinna bianca.

Isla del Coco: a 500 km al largo della Costa del Pacifico, si trova questo eccezionale santuario per le immersioni, consacrato da  Cousteau e dall’Unesco. Squali martello, squali balena, mante, tartarughe marine…

Les plages: sulla costa del Pacifico si sono sviluppate attività balneari, in particolare nella parte nord e centrale. Per un po’ più di tranquillità, optate per i parchi naturali costieri (Manuel AntonioCorcovado), oppure per la costa atlantica,  vicino a Cahuita, con tutto il languore dei Caraibi.

ponte foresta costa ricaQuali sono le tendenze di viaggio in Costa Rica?

Ecoturismo, surf camp, immersioni, tree-climbing…

Quando partire?

Preferibilmente da novembre ad aprile, durante la stagione secca.

A che prezzo? Alcune indicazioni medie…

0,6€ : una bottiglia di acqua minerale da 600 ml.
8€ : entrata ad un parco nazionale

Info pratiche

Fuso orario: – 8h d’estate; -7h in inverno.
Festivals o eventi importanti : la Semana Santa (Pasqua) in marzo-aprile.
Lingua: spagnolo. L’inglese è parlato nelle zone turistiche.
Salute: vaccinazioni aggiornate (epatite A e B consigliate); evitare di bere l’acqua del rubinetto; rischio di malaria limitato alla regione di Talamanca; rifornitevi di prodotti antizanzare.

Consigli di Opodo

La Costa Rica è essenzialmente una destinazione per gli amanti della natura. Per aggiungere la dimensione culturale, integratela con il Nicaragua, con le sue notevoli città coloniali e la limitata presenza turistica!

tramonto costa rica
foto di keepitsurreal su flickr
footer logo
Fatto con per te